Vecchio e nuovo anno. Morte e vita

Il viaggio sotto le stelle 
Dicembre 31, 2023
“Ora lascia, o Signore”…
Gennaio 2, 2024
Tanti auguri nello scorcio di fine anno e con l’arrivo del nuovo. Ognuno pensa a quello che è stato e immagina quello che sarà.
Non amo la festa di fine anno. Soprattutto quest’anno.
E’ morto Marco Dell’Oro, carissimo amico.
Mi viene di fare un augurio. Fuori moda e fuori tempo

E’ l’ultimo giorno dell’anno, la festa che non fa altro che infastidirmi. E mi vanto, con tutti quelli che mi chiedono che cosa faccio stasera, a rispondere che vado a letto presto e che mi dispiace soltanto che i botti di fine anno mi impediranno di dormire. Sono felice che piova. Mi auguro che a mezzanotte diluvi. Scrivo alle 17. Le previsioni del tempo sul mio cellulare prevedono, per la mezzanotte, piogge “consistenti”. Speriamo.

Continuo a pensare a Marco Dell’Oro, l’amico giornalista, amico carissimo. È morto ieri, con il morire dell’anno. Dopodomani faremo il funerale: un funerale al “nascere” del nuovo anno.

Che strano destino quello di Marco, così sospeso fra morte e vita. In qualche modo, era già morto quando era in vita, con l’emorragia che gli aveva spento i legami con la parola, aveva tagliato il suo lavoro di giornalista che era lavoro sulla parola. Poi, il due di gennaio, faremo il funerale e gli augureremo di vivere ora che è morto. Lo possiamo solo sperare, faticosamente: non dipende da noi, ma abbiamo buoni motivi per sperarlo nonostante tutto.

Forse non è un caso che il giorno della morte per un battezzato, nella tradizione cristiana, venga chiamato “dies natalis”, “giorno della nascita”, “giorno natalizio”. Che sia davvero il dies Natalis per Marco. 

E’ l’unico augurio che mi interessa. “Il resto è letteratura”, avrebbe detto Verlaine. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.